Val Susa

  • warning: Parameter 1 to theme_field() expected to be a reference, value given in /home/magistra/public_html/platform/includes/theme.inc on line 170.
  • warning: Parameter 1 to theme_field() expected to be a reference, value given in /home/magistra/public_html/platform/includes/theme.inc on line 170.
  • warning: Parameter 1 to theme_field() expected to be a reference, value given in /home/magistra/public_html/platform/includes/theme.inc on line 170.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.
  • : Function ereg() is deprecated in /home/magistra/public_html/platform/includes/file.inc on line 647.

Zoom | Stampa

Cuneese di origine (là dove la Langa diventa montagna), sono, da oltre
trent'anni, valsusino di adozione.
La Val Susa è una valle bellissima che l'uomo ha gravemente ferito: nei
luoghi dove dovrebbe iniziare il traforo ferroviario (di 53 chilometri!) già
corrono due strade nazionali, un'autostrada e una ferrovia, tutte destinate
a restare anche in caso di realizzazione della TAV: pensate cosa vuol dire
una valle (abbastanza stretta, com'è, in genere, delle valli) attraversata da
cinque arterie di grande percorrenza... Aggiungo: questa valle è - secondo
la denuncia del coordinamento dei medici di base che vi operano - la regione
d'Italia che ha la maggior concentrazione di tumori e di patologie connesse
con l'amianto e l'uranio (presenti in misura significativa nelle montagne
che si vorrebbero scavare).
No! i valsusini (e chi, per fortuna, sta con loro) non sono n luddisti
contrari al progresso n marginali disinteressati allo sviluppo e al
benessere del Paese. Sono gente di campagna (nella bassa valle) e di
montagna che conosce la propria terra e sa che la natura, violentata,
reagisce (Beppe Fenoglio, grande scrittore di Langa, commentando l'alluvione
del Tanaro degli anni quaranta, dovuta agli interventi dell'uomo, scrisse
come solo un poeta può dire: "e il fiume si arrabbiò e fu peggio dei
tedeschi e dei fascisti!"). Attenti, quel che la gente della valle oggi
sente, sta scritto nella nostra Carta, che pone, nell'interesse generale,
limiti alla proprietà privata e all'attività economica anche pubblica, ma
non al diritto alla salute, che è diritto assoluto. Il benessere di molti -
se anche di questo si trattasse... - non può fondarsi sulla violazione del
diritto alla salute di alcuni.
Non è una aspirazione politica, ma un
principio di diritto, uno di quei principi che sta scritto in Costituzione
ed è sottratto alla disponibilità delle maggioranze contingenti (sia detto
una volta per tutte a chi si sciacqua la bocca con il termine
"legalità"...). Certo, occorre accertare se davvero è in pericolo la salute
(la vita) dei valsusini e dei loro figli. Ma, appunto, occorre accertarlo; e
non dire, come hanno fatto sinora il governo e la regione (governata -
ahim, anche con il mio voto - dal centro sinistra): lo accerteremo, ma
intanto cominciamo i lavori. Strana pretesa di dialogo quella di chi ha già
deciso che l'opera si deve comunque fare e semplicemente vuole addolcire la
pillola avvelenata! Il dialogo, come ha scritto Luciano Gallino in un
articolo su Repubblica del 30 novembre (che consiglio a tutti), deve - se
vuole essere tale - verificare anche la possibilità di "uno scenario affatto
inedito, che preveda pi benefici che costi per tutti gli interessati". E
invece prevalgono - non solo (com'è ovvio) in Lunardi, ma anche in settori
consistenti della sinistra - l'arroganza e la predicazione ossessiva di una
realtà virtuale che assai poco ha a che vedere con quella vera ("l'opera
serve, non è sostituibile, sarà fonte di sviluppo..."; "tra i manifestanti
si sono infiltrati violenti e financo terroristi": cioè - va sans dire -
esponenti di centri sociali, pur presenti a viso aperto e con tanto di
striscioni...).
E' in questo contesto che si collocano le politiche di ordine pubblico del
governo e i blitz notturni contro cittadini inermi. Niente di nuovo, in
verità: il Pisanu di turno che, mentre le televisioni irradiano immagini di
giovani e anziani manganellati da un nuguolo di poliziotti, afferma con
sussiego che non vi sono state "cariche" ricorda sinistramente il portavoce
della polizia che, mentre le barelle uscivano dalla Diaz, dichiarava che
alcuni giovani presentavano "lesioni da ferite pregresse".

Niente di nuovo.
Ma quel che non deve sfuggire - e invece sfugge, anche a sinistra - è che le
"cariche" negate dal ministro Pisanu sono il segmento finale di una politica
autoritaria e miope, e che si fa poca strada criticando le prime senza
mettere in discussione (ed anzi sostanzialmente avallando) quest'ultima.

07 12 2005
© 2023 MAGISTRATURA DEMOCRATICA ALL RIGHTS RESERVED WEB PROJECT AND DESIGN AGRELLIEBASTA SRL